Iscritto all'Albo CAF del Ministero delle Finanze n.00066



click 108 Originale Aumenta Aumenta PDF Stampa Indietro

17/12/2018 - IL DECRETO FISCALE E’ LEGGE: LE PRINCIPALI NOVITA’

Il Decreto Fiscale è legge. Durante l’iter parlamentare di conversione, il decreto legge 119/2018 ha subito numerose modifiche rispetto alla versione originaria, pubblicata lo scorso 23 ottobre. Il testo risulta articolato, al suo interno si trovano sia misure di carattere tributario sia disposizioni di diverso tenore. Rispetto alla versione originaria, viene eliminata la disciplina della dichiarazione integrativa speciale, sostituita dalla sanatoria delle irregolarità e infrazioni formali. Tra le principali novità introdotte in sede di conversione si segnalano: la riduzione della soglia per accedere all'interpello sui nuovi investimenti passando da 30 milioni a 20 milioni; la definizione agevolata processi verbali di constatazione: le rate devono essere versate entro l'ultimo giorno di ciascun trimestre e sul relativo importo devono essere applicati gli interessi legali calcolati dal giorno successivo al termine della prima rata; modifiche alla rottamazione- ter: aumento del numero delle rate da 10 a 18 e possibilità di pagare le rate con un ritardo fino a 5 giorni senza decadere dalle agevolazioni; definizioni liti pendenti: modifica delle percentuali richieste per sanare il rapporto con il fisco. Introdotta una specifica disposizione in relazione ai ricorsi pendenti iscritti nel primo grado, prevedendo che la controversia possa essere definita con il pagamento del 90% del valore della stessa; introdotta la sanatoria degli errori formali con un versamento di 200 euro per periodo d'imposta; fatturazione elettronica: esclusione dall'obbligo dell'e-fattura per gli operatori sanitari; archivio dei rapporti finanziari: allo scopo di rafforzare le misure finalizzate al contrasto dell’evasione fiscale, si modificano le disposizioni in materia di accesso all’archivio dei rapporti finanziari. In particolare: si stabilisce un termine di conservazione dei dati di dieci anni; si consente l’accesso ai dati alla Guardia di finanza, nonché, per la valutazione di impatto e della quantificazione e del monitoraggio dell’evasione fiscale, al Dipartimento delle finanze.