Iscritto all'Albo CAF del Ministero delle Finanze n.00066



click 38 Originale Aumenta Aumenta PDF Stampa Indietro

30/07/2018 - CESSIONE CREDITO D’IMPOSTA, ECCO I CODICI TRIBUTO PER SISMABONUS ED ECOBONUS

L’Agenzia delle Entrate interviene per fornire informazioni importanti relativamente alla cessione del credito d’imposta per temi quali il sismabonus e l’ecobonus. Tale cessione, infatti, riguarda le detrazioni spettanti a norma di legge per l’adozione di misure antisismiche e per l’esecuzione di opere per la messa in sicurezza statica, effettuate sulle parti comuni degli edifici, dalle quali derivi una riduzione del rischio sismico e per tutti gli interventi legati alla riqualificazione energetica portati a compimento sulle parti comuni degli edifici. La detrazione sopra citata può essere utilizzata in quote annuali (cinque per quel che riguarda il sismabonus e dieci per l’ecobonus) di uguale importo; le quote in questione vengono usate dal cessionario solamente in compensazione mediante la presentazione del modelo F24, attraverso i servizi telematici messi a disposizione dell’Agenzia delle Entrate. Proprio le Entrate hanno provveduto a istituire i codici tributo necessari alla cessione del suddetto credito di imposta, ossia il codice 6890 per l’ecobonus e il 6891 per il sismabonus. In caso di utilizzo in compensazione della prima quota, nel modello F24 dovrà essere indicato l’anno di riferimento “2018”; per l’utilizzo in compensazione della seconda quota (fruibile dal 1° gennaio 2019), dovrà essere indicato l’anno di riferimento “2019” e così via. La quota di credito che non è utilizzata in compensazione nell’anno di fruibilità può essere utilizzata negli anni successivi, indicando comunque, quale anno di riferimento, l’anno originario di fruibilità.