Iscritto all'Albo CAF del Ministero delle Finanze n.00066



click 43 Originale Aumenta Aumenta PDF Stampa Indietro

10/05/2018 - PROVVEDIMENTO DELLE ENTRATE PER NUOVI ISA

Sul sito dell’Agenzia delle Entrate, in merito agli Isa, si legge che “Con l’istituzione degli Indici sintetici di affidabilità, si vuole favorire l'assolvimento degli obblighi tributari e incentivare l’emersione spontanea di redditi imponibili. L’istituzione degli indici per gli esercenti di attività di impresa, arti o professioni, rappresenta un’ulteriore iniziativa che mira, utilizzando anche efficaci forme di assistenza ad aumentare la collaborazione fra contribuenti e Amministrazione finanziaria. Gli indici sono indicatori che, misurando attraverso un metodo statistico- economico, dati e informazioni relativi a più periodi d'imposta, forniscono una sintesi di valori tramite la quale sarà possibile verificare la normalità e la coerenza della gestione professionale o aziendale dei contribuenti. Il riscontro trasparente della correttezza dei comportamenti fiscali consentirà di individuare i contribuenti che, risultando affidabili, avranno accesso a significativi benefici premiali”. E proprio dalle Entrate arriva un nuova importante comunicazione in materia, ossia il Provvedimento n. 93467 del 7 maggio 2018, mediante il quale compaiono 105 nuovi indici sintetici di affidabilità fiscale, da sottoporre al vaglio autorevole del Ministero dell’Economia e delle Finanze; ricordiamo che il medesimo Ministero ha provveduto ad approvare, con specifico decreto del 23 marzo 2018, 69 indici. Relativamente ai benefici premiali citati, troviamo l'esclusione dagli accertamenti di tipo analitico-presuntivo; l'applicazione degli accertamenti basati sulla determinazione sintetica del reddito; la riduzione dei termini per l’accertamento e l’esonero, entro i limiti fissati, dall’apposizione del visto di conformità per la compensazione dei crediti d’imposta; l’esonero dall’apposizione del visto di conformità ovvero dalla prestazione della garanzia per i rimborsi Iva per un importo non superiore a 50mila euro.