Iscritto all'Albo CAF del Ministero delle Finanze n.00066



click 89 Originale Aumenta Aumenta PDF Stampa Indietro

12/04/2018 - ECOBONUS, CHIARIMENTI ENEA DOPO LA LEGGE DI BILANCIO

Le condizioni che danno luogo a procedere per quel che riguarda l’accesso a determinati benefici di natura fiscale sono sempre oggetto di grande interesse, per via della possibilità, riservata a contribuenti e aziende, di ottenere agevolazioni molto interessanti. Per capire se esista o meno tale possibilità, i soggetti interessati devono analizzare con attenzione le prescrizioni di legge e le relative procedure da seguire. La Legge n. 205 del 27 dicembre 2017, vale a dire la Legge di bilancio 2018, ha provveduto a integrare e modificare le condizioni di accesso ai benefici fiscali per l’efficienza energetica degli edifici, in relazione alle spese sostenute dal 1° gennaio al 31 dicembre 2018. Sono state molte infatti le novità contenute nella finanziaria 2018 in relazione al cosiddetto "pacchetto casa" e dal 1° gennaio 2018 è necessario inviare una comunicazione all'ENEA anche sui lavori di recupero del patrimonio edilizio, sul sisma bonus, sull'acquisto dia arredo e sull'ecobonus. Di recente, l'ENEA, ossia l’Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, ha pubblicato sul suo sito una tabella che sintetizza gli interventi incentivabili e le aliquote che scaturiscono dalla nuova legge, in attesa dei decreti attuativi che disciplinino tutte le modalità operative. Tra le novità più rilevanti, indubbiamente, rientra la riduzione dell’aliquota di detrazione al 50% per diverse voci, quali interventi relativi alla sostituzione di finestre comprensive d’infissi, schermature solari, caldaie a biomassa. Relativamente alla deroga rispetto alla scadenza fissata entro il limite di 90 giorni dalla data di chiusura dei lavori per l’invio, essa verrà comunicata al più presto, appena possibile.