Iscritto all'Albo CAF del Ministero delle Finanze n.00066



click 460 Originale Aumenta Aumenta PDF Stampa Indietro

16/03/2018 - SUCCESSIONE E VOLTURE CATASTALI, AL VIA IL NUOVO MODELLO TELEMATICO

Novità importanti per le denunce di successione, perlomeno a livello operativo: da ieri, giovedì 15 marzo 2018, è previsto l’utilizzo del nuovo modello per l’invio telematico relativo per l’appunto alle denunce di successione e alle domande di volture catastali degli immobili. Si tratta di un’innovazione che, nell’idea di chi l’ha promossa e resa concreta, dovrebbe consentire una semplificazione delle operazioni ad essa connesse: si pensi, ad esempio, alla possibilità di eseguire le volture catastali senza dover mettere in atto una richiesta ulteriore da parte del contribuente. A far data dal 1° gennaio 2019 la modalità telematica sarà esclusiva e obbligatoria, mentre per tutto il 2018 l’invio della dichiarazione in modalità telematiche è facoltativa. Attualmente l’unica eccezione è prevista per gli invii cartacei, riguarda i residenti all’estero i quali se impossibilitati alla trasmissione telematica delle denunce, potranno inviare la dichiarazione tramite raccomandata o altro mezzo equivalente dal quale possa risultare con certezza la data di spedizione. Uno dei vantaggi principali relativi al nuovo modello è rappresentato, come accennato, dal riunire la denuncia di successione e le volture catastali dei fabbricati: tuttavia, la dichiarazione di successione non consente di eseguire la voltura automaticamente e per tale motivo gli adempimenti connessi, dovranno essere svolti presso gli uffici competenti, in caso di immobili che ricadono nei territori in cui è in vigore il sistema tavolare o gravati da oneri reali nei casi di eredità giacente o di trust. Anche nei casi in cui il sistema consente la voltura automatica, è facoltà del contribuente di non avvalersene, opzionando un apposita casellina del frontespizio. In questo caso l’intermediario o il contribuente hanno 30 giorni di tempo dalla data di registrazione della successione per presentare all’Ufficio Provinciale – Territorio competente, la domanda su tradizionale supporto cartaceo o informatico e pagare direttamente i tributi agli uffici che eseguono le volture. Qualsiasi modifica, al verificarsi di eventuali errori, può essere effettuata mediante una sostituzione integrale della dichiarazione inviata precedentemente.