Iscritto all'Albo CAF del Ministero delle Finanze n.00066



click 79 Originale Aumenta Aumenta PDF Stampa Indietro

12/01/2018 - ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO, PROROGA PER LA RICHIESTA DEI CONTRIBUTI

L’alternanza scuola-lavoro è sicuramente uno dei temi più discussi degli ultimi tempi, per via delle implicazioni non solo economiche, ma anche e soprattutto sociali e formative ad esso connesse; senza addentrarci qui in questioni legate al modo in cui concepire e realizzare tale progetto, proviamo a prendere in esame le informazioni relative a ciò che è di nostra più stretta competenza, ossia le implicazioni di carattere normativo e fiscale. Ritornando agli argomenti legati a questo spazio e alla nostra attività, evidenziamo una notizia inerente al contributo per i costi sostenuti dall’aziende per il tutoraggio dei giovani inseriti, per l’appunto, nei programmi di alternanza scuola-lavoro e apprendistato di 1° livello: in particolare, ricordiamo che la richiesta di tali contributi poteva essere inoltrata fino al 31 dicembre 2017, ma l’ANPAL ha provveduto a pubblicare un avviso mediante il quale comunica la proroga di tale scadenza al 31 marzo 2018. Approfittiamo per ricordare che il bando era stato emanato da Italia Lavoro, a cui poi è succeduta la nuova Agenzia nazionale, appunto ANPAL. Relativamente a chi abbia titolo a beneficiare del contributo, ricordiamo che si tratta di datori di lavoro privati che abbiano effettuato con il proprio personale, attività di tutoraggio per contratti di apprendistato di 1° livello ossia per percorsi di alternanza scuola/lavoro, a partire dal 1 gennaio 2016, esclusivamente se attivati in collaborazione con i CFP e/o Enti di Formazione Professionale. Per ciò che concerne gli importi, si ha diritto fino a un massimo di € 3000 per tutoraggio aziendale, attuato per 12 mesi in un contratto di apprendistato di primo livello; fino a 500 euro annui per attività di tutoraggio aziendale riferibile a percorsi di alternanza scuola lavoro.