Iscritto all'Albo CAF del Ministero delle Finanze n.00066



click 34 Originale Aumenta Aumenta PDF Stampa Indietro

10/10/2017 - STARTUP DIGITALE SENZA ATTO NOTARILE: VIA LIBERA ANCHE DAL TAR

La realtà sempre più digitalizzata in cui ci troviamo ha ovviamente importanti ripercussioni anche sull’aspetto legale e normativo in ambito lavorativo: è fisiologico, infatti, che determinate procedure collaudate da molti anni siano interessate ai cambiamenti tecnologici intervenuti. In tale prospettiva rientra una novità per certi versi epocale riconducibile alla nascita di nuove aziende, ossia la possibilità di dar vita ad un’impresa senza ricorrere ad uno specifico atto notarile; tale possibilità è valida dallo scorso 20 luglio 2016, a seguito dell’innovazione del diritto societario introdotta con il Decreto Legge n. 3 del 24 gennaio 2015. In virtù di questo provvedimento, infatti, gli imprenditori hi-tech del nostro Paese hanno la possibilità di avviare una startup innovativa in forma di s.r.l. secondo una modalità digitale: in tal senso, è arrivata di recente un’ulteriore e autorevolissima conferma, ossia la sentenza n. 10004/2017 del Tar del Lazio del 2 ottobre 2017. I giudici del Tar hanno stabilito la piena conformità ai principi giuridici comunitari e nazionali di questa formula, sostenendo che l’impianto normativo è coerente con i principi della direttiva comunitaria sulle società, che i poteri attribuiti dal DM 17 febbraio 2016 alle CCIAA non esorbitano rispetto a quelli previsti ordinariamente dalla legge, che le modalità di registrazione fiscale dell’atto non sono contrarie a legge, che il controllo sulla conformità legale dell’atto è assorbito dallo standard rilasciato dal Ministero. Si tratta di una sentenza importante, anche in considerazione dei dati relativi al fenomeno: basandosi sull’ultima edizione del rapporto trimestrale sulla nuova modalità di costituzione al 30 settembre 2017, le nuove imprese costituite con la nuova procedura sono quasi 900: si tratta di numeri rilevanti, favoriti anche dal fatto che l’utilizzo di un modello standard personalizzabile e della firma digitale consentono di dar vita ad una società con un considerevole risparmio di tempo e di costi rispetto alla procedura tradizionale mediante atto pubblico.