Iscritto all'Albo CAF del Ministero delle Finanze n.00066



click 41 Originale Aumenta Aumenta PDF Stampa Indietro

03/10/2017 - ITALIA UNICO PAESE COL 100% DI PROCESSI AMMINISTRATIVI GESTITI TELEMATICAMENTE

Negli ultimi anni, purtroppo, non è capitato molto spesso di vedere il nostro Paese in cima o quantomeno nelle primissime posizioni in graduatorie legate ad aspetti positivi o virtuosi in ambito legale, di efficienza, di trasparenza o di rispetto delle norme, e men che mai per la capacità di fare proprie e mettere in atto novità legate all’utilizzo delle nuove tecnologie applicate al mondo burocratico. Dall’impietosa prima posizione nell’area UE (e terza nel mondo) riguardo alla complessità del sistema fiscale, passando alle poco lusinghiere posizioni in materia di libertà di stampa o di contrasto ai fenomeni di evasione fiscale, e ripensando al caos delle proroghe dovute al funzionamento imperfetto del sistema dello spesometro, ci siamo quasi colpevolmente abituati a una tendenza che ci vede non proprio all’avanguardia su temi di grande rilevanza. Arriva però in questi giorni un segnale che ridà fiducia al sistema italiano in questo periodo non facilissimo per l’e-government nostrano: in Italia il 100% dei processi amministrativi è completamente gestito in via telematica. Si tratta di un record che ci posizione di gran lunga davanti a qualsiasi altro Paese, considerando che al secondo posto, con l’85%, troviamo la Finlandia. Questo quanto emerso dall’incontro annuale del board dell'Aihja, l'associazione internazionale che dal 1983 mette in rete le alte corti amministrative di 89 Paesi del mondo; l’incontro, avvenuto in Italia a distanza di 22 ani dall’ultima volta, ha consentito il confronto fra i giudici amministrativi delle Supreme Corti dei vari Paesi presenti, che hanno avuto modo di confrontarsi in merito alle migliori pratiche organizzative in materia di informatizzazione della giustizia amministrativa. I dati relativi all’Italia sono considerati davvero molto soddisfacenti, anche perché solo il 7% del totale di depositi (ossia 16mila su 170mila), tra ricorsi e documenti, non è andato a buon fine per errori tecnici degli utenti.