Iscritto all'Albo CAF del Ministero delle Finanze n.00066



click 698 Originale Aumenta Aumenta PDF Stampa Indietro

18/09/2017 - DAL 12 SETTEMBRE DISPONIBILE ONLINE IL MODELLO DI SUCCESSIONE AGGIORNATO

L’Agenzia delle Entrate ha approvato la versione riveduta e corretta del modello di dichiarazione di successione e domanda di volture catastali per consentire la gestione di particolari fattispecie, alcune delle quali entrate in vigore successivamente all’approvazione di quella precedente: ciò è avvenuto nello scorso mese di giugno, mediante il Provvedimento n. 112246 datato 15 giugno 2017. Si tratta di un’importante comunicazione tecnica che ha conosciuto, da pochi giorni, la piena consacrazione mediante la possibilità di utilizzare tale nuova versione, possibilità divenuta concreta da martedì 12 settembre. A partire dalla data appena indicata, dunque, si passa ad una nuova fase contraddistinta da una maggiore agilità, poiché ci si affida all’universo telematico: con la presentazione del nuovo modello di successione, salvo casi particolari, le volture catastali verranno eseguite in automatico salvo diversa indicazione del contribuente. In definitiva, quindi, la dichiarazione in oggetto verrà presentata solamente attraverso il canale telematico, per mezzo dei servizi telematici dell’Agenzia delle Entrate. Nel caso di immobili ricadenti nei territori ove vige il sistema del Libro fondiario (Sistema Tavolare), per quelli gravati da “Oneri reali”, nei casi di eredità giacente/eredità amministrata e di trust, la dichiarazione non consente di eseguire la voltura catastale in via automatica, i cui adempimenti continuano ad essere svolti presso i competenti Uffici. Fra i soggetti che possono presentare la dichiarazione troviamo il dichiarante stesso, l’ufficio territoriale dell’Agenzia delle Entrate competente per la lavorazione in relazione all’ultima residenza nota del de cuius, ma anche gli intermediari abilitati, e quindi i Centri di Assistenza Fiscale. Di conseguenza, l’invito è quello di rivolgersi al Caf Italia, i cui operatori presenti nelle sedi dislocate su tutto il territorio nazionale saranno pronti a fornire ai cittadini tutta l’assistenza necessaria sul tema e su qualsiasi altro argomento riconducibile alla materia fiscale. Ricordiamo che la dichiarazione inviata per via telematica si considera presentata nel momento in cui è conclusa la ricezione dei dati da parte dell’Agenzia delle Entrate; la prova della presentazione è data dalla ricevuta trasmessa, sempre per via telematica, dall’Agenzia stessa (2° ricevuta). Inoltre, fino al 31 dicembre 2017 sarà possibile utilizzare la modulistica cartacea precedentemente in uso per le successioni aperte prima del 3 ottobre 2006, oltre che per le dichiarazioni integrative, sostitutive o modificative di una dichiarazione presentata con il modello 4.