Iscritto all'Albo CAF del Ministero delle Finanze n.00066



click 42 Originale Aumenta Aumenta PDF Stampa Indietro

12/07/2017 - AGEVOLAZIONI VALIDE ANCHE PER ASSOCIAZIONI SPORTIVE CHE FANNO PAGARE A PARTE ALCUNI SERVIZI

Un contenzioso, sorto tra l’Agenzia delle Entrate locale di Reggio Emilia e un’associazione sportiva, ha dato origine a una sentenza da parte della Commissione tributaria provinciale in merito a una situazione largamente diffusa su tutto il territorio nazionale. Le Entrate, durante lo svolgimento di un controllo formale ordinario, avevano preso nota del fatto che un associato aveva l’onere di pagare una quota per tempo e tipologia di attività richiesta, per avere accesso a specifici servizi (ad esempio, dei corsi particolari), nonostante fosse in possesso di una tessera legata appunto all’associazione. L’ente sosteneva che in tale caso si dovesse considerare l’eccezione della temporaneità della vita associativa e, di conseguenza, l’associazione non dovesse avere diritto ad agevolazione alcuna, nemmeno al regime agevolato: tale realtà, sempre secondo le Entrate, sarebbe infatti in contrasto con quanto previsto dalle disposizioni contenute nel Tuir al comma 8, lett. c), art. 148, dpr 917/1986. L’associazione in questione, però, ha fatto ricorso affermando che gli associati fanno vita associativa e che gli stessi sono dotati di tessera, pagando altresì determinati servizi aggiuntivi per l’utilizzo di specifiche attrezzature o con la partecipazione a specifici corsi; inoltre, l'associazione è regolarmente iscritta al Coni e affiliata alla federazione pugilistica, dimostrando in tal modo la partecipazione propriamente attiva mediante la produzione dei verbali del consiglio direttivo e dell'assemblea dei soci. La Ctp di Reggio Emilia, per mezzo della Sentenza n. 170/2017, dopo aver analizzato i documenti dell’associazione sportiva che ha avanzato il ricorso, ha dato ragione a quest’ultima, confermando che il regime agevolato spetta all’associazione sportiva anche se gli associati devono pagare dei servizi aggiuntivi oltre alla tessera per la quota sociale, fermo restando l’obbligo del rispetto di ogni altra condizione prescritta dalla legge.