Iscritto all'Albo CAF del Ministero delle Finanze n.00066



click 92 Originale Aumenta Aumenta PDF Stampa Indietro

09/06/2017 - AGEVOLAZIONI IMU, ATTENZIONE AI REGOLAMENTI COMUNALI

L’IMU è argomento di stretta attualità per i contribuenti, soprattutto in considerazione dell’avvicinarsi del 16 giugno, termine entro cui occorre effettuare il primo versamento dell’Imposta municipale unica. Tra le pieghe della normativa che regola tale imposta esistono numerose varianti da considerare e che sono ancora ignorate da una buona fetta della platea interessata. Tra gli aspetti meno noti, probabilmente, rientra quello relativo alle agevolazioni legate ai comodati abitativi per i famigliari stretti: nello specifico, va chiarito che, oltre a quanto previsto dalla normativa nazionale, esistono ulteriori possibili benefici fiscali derivanti dalle normative comunali. Riguardo al comodato statale, va segnalato che all’articolo 1, comma 10, della Legge n. 208 del 28 dicembre 2015, ossia la Legge di Stabilità per il 2016, è specificato che si applica la riduzione del 50% della base imponibile per le unità immobiliari che il soggetto passivo concede in comodato d’uso ai parenti, purché fra i soggetti coinvolti ci sia una parentela di primo grado in linea retta, come quella che esiste ad esempio fra padre e figlio. Affinché tale riduzione sia applicabile, però, è indispensabile che il contratto sia registrato e che il comodante possieda un solo immobile in Italia e risieda anagraficamente, nonché dimori abitualmente, nello stesso comune in cui è situato l'immobile concesso in comodato; è altresì necessario che il comodante possegga un altro immobile adibito ad abitazione principale nel medesimo comune. Accanto ai comodati regolati a livello nazionale, esistono però diversi casi di comodati riconducibili a regolamenti comunali e a relative delibere, che prevedono l’applicazione di aliquote agevolate: a tale proposito è fortemente consigliabile rivolgersi ai professionisti del settore fiscale per ricevere le dovute informazioni, anche per quel che concerne la presentazione dei moduli-richiesta del caso.