Iscritto all'Albo CAF del Ministero delle Finanze n.00066



click 376 Originale Aumenta Aumenta PDF Stampa Indietro

30/05/2017 - PANORAMICA SUGLI IMMOBILI IN ITALIA: IN CALO LE TASSE

Panoramica interessante sul capitolo “casa” nel nostro Paese, quella venuta fuori dalla presentazione di ieri, 29 maggio 2017, del rapporto “Gli immobili in Italia 2017”, realizzato in collaborazione da Ministero delle Finanze e Agenzia delle Entrate. Il documento in questione racconta subito di una diminuzione generale della tassazione sugli immobili, calata nel 2016 di 4,4 miliardi di euro rispetto all’anno precedente; gran parte di questo calo è legata all’abolizione della Tasi sulle abitazioni prima casa non di lusso. Relativamente alla globalità del gettito complessivo, l’Imu versata dai contribuenti nel 2016 si attesta sui 18,8 mld di euro, col totale che diventa 19.9 mld aggiungendo la tassa sui servizi indivisibili (1,1 mld). Sono poco meno di 20 milioni di italiani coloro che hanno beneficiato dell’abolizione della Tasi, che ha consentito un risparmio medio pro capite di 175 euro all’anno, con un totale che, come detto prima, è calcolabile in 3,6 mld di euro. Il rapporto presentato ieri analizza anche la situazione del patrimonio immobiliare italiano, avvalendosi dei dati disponibili, cioè di quelli fino al 31 dicembre 2014: gli interventi di ristrutturazione, riqualificazione energetica e messa in sicurezza degli edifici nel 2014 hanno generato agevolazioni fiscali per circa un miliardo di euro, frutto di un numero di interventi complessivo che sfiora i 3,7 milioni. Altri dati interessanti riguardano il fatto che quasi 20 milioni di famiglie, quindi più dei tre quarti del totale, sono proprietarie delle case in cui abitano; inoltre, il 63,2% dei contribuenti che hanno presentato una dichiarazione dei redditi nel 2014 (circa 40,7 milioni di soggetti) dichiara di essere proprietario di quote immobiliari o di immobili.