Iscritto all'Albo CAF del Ministero delle Finanze n.00066




click 548 Originale Aumenta Aumenta PDF Stampa Indietro

05/04/2016 - CANONE RAI PER I RESIDENTI ALL’ESTERO

Img

In merito al canone Rai è stata presentata una mozione per predisporre una riduzione del canone tv per i residenti all'estero, iscritti all'Anagrafe italiani residenti all'estero (Aire). La questione si pone perché mentre tutti gli italiani che posseggono una seconda casa, non devono pagare un doppio canone, coloro che sono residenti all'estero e hanno una casa in Italia, che risulta come una seconda casa per lo Stato italiano, dovranno pagare il canone Rai perché essendo presente un utenza elettrica si presume, dal 1° gennaio 2016, la detenzione di un apparecchio ricevente. La mozione presentata pone l'attenzione «sul caso dei cittadini italiani residenti permanentemente all'estero e quindi iscritti all'Aire, i quali non solo non hanno la residenza negli immobili posseduti in Italia, ma non usufruiscono per la maggior parte del periodo dell'imposta delle trasmissioni radiotelevisive italiane nei suddetti immobili. Impegna il governo a valutare la possibilità per i prossimi anni, tenendo anche conto che è necessaria una modifica legislativa, di considerare a favore dei cittadini italiani residenti permanentemente all'estero l'esenzione o la riduzione del canone Rai sugli immobili da essi posseduti in Italia, a condizione che non siano locati o dati in comodato d'uso».