Vai alla Home Page
Iscritto all'Albo CAF del Ministero delle Finanze n.00066




click 108 Originale Aumenta Aumenta PDF Stampa Indietro

27/05/2024 - FERIE COLLETTIVE, DA RICHIEDERE IL DIFFERIMENTO ENTRO MAGGIO

Si avvicina il termine per presentare le richieste di differimento dei versamenti contributivi nei casi di ferie collettive dell'azienda. Come tutti gli anni, si avvicina la scadenza per la richiesta di differimenti dei versamenti contributivi in caso di  chiusura aziendale per ferie che renda impossibile  effettuare le comunicazioni e i versamenti entro i termini ordinari. La richiesta deve essere inviata all'INPS come sempre entro il 31 maggio 2024. Per ferie collettive và inteso il periodo di chiusura dell'azienda che la proprietà decide di effettuare per motivi di opportunità organizzative commerciali, ecc,   in cui vengono garantite le ferie a tutti i dipendenti  delle varie unità , reparti e sedi. Il concetto di ferie collettive è applicabile anche se nel periodo sia comunque necessaria la presenza di personale preposto alla manutenzione degli impianti o personale addetto a lavorazioni che si effettuino a ciclo continuo, purché la generalità del personale rimanente usufruisca invece del periodo di riposo per ferie. In caso di chiusura si può richiedere il differimento dei termini che comprende: la comunicazione del flusso Uniemens e anche il versamento dei contributi previdenziali e assistenziali. Da ricordare che il  differimento per ferie collettive è possibile solo una volta nel corso dell'anno e  non può mai superare  il mese di durata. Da prestare molta attenzione al fatto che questo si applica anche nel caso il periodo di ferie collettive si svolga a cavallo di due mesi. Le domande possono riguardare anche periodi diversi da quello estivo e vengono esaminate dalla sede Inps competente per territorio. Normalmente, il termine di cui viene chiesto il differimento è quello del 20 agosto (relativo al mese di luglio).  In questo caso il versamento dei contributi di luglio andrà poi eseguito entro il 16 settembre e la presentazione del flusso UNIEMENS dovrà avvenire entro il 30 settembre. Il versamento dei contributi poi dovrà essere effettuato in unica soluzione con la maggiorazione degli interessi di dilazione. Nel messaggio di autorizzazione l'Istituto comunica anche la percentuale per il calcolo degli interessi di differimento. Attualmente,  il tasso INPS è fissato al 9,75%. Per la domanda può essere utilizzato solamente il canale telematico.  Il termine del 31 maggio in realtà non è perentorio: Le richieste possono essere presentate anche dopo, presentando una giustificazione del ritardo.  L'applicazione per l'invio è disponibile sul sito INPS.