Vai alla Home Page
Iscritto all'Albo CAF del Ministero delle Finanze n.00066




click 216 Originale Aumenta Aumenta PDF Stampa Indietro

21/05/2024 - PERMESSI ELETTORALI 2024, ECCO LE REGOLE

Arrivata la disciplina dei permessi per i dipendenti che svolgono funzioni come scrutatori e presidenti di seggio. Adempimenti dei datori di lavoro, diritti e doveri dei lavoratori. Anche nel 2024 è tempo di nuove elezioni: in arrivo le Europee e le amministrative, in tanti Comuni italiani. Allora ricontrollata alla disciplina normativa dei permessi collegati ad assenze per  attività elettorali,  nell'ambito del rapporto di lavoro dipendente. Come ormai noto, infatti , i lavoratori titolari di un rapporto di lavoro subordinato che vengono chiamati ad assumere ruoli nei seggi elettorali sono assistititi dalla legge sia per quanto riguarda i diritti collegati all'assenza dal lavoro, e recupero della giornata di riposo spettante per aver lavorato al seggio. In sostanza i giorni lavorativi passati alle urne sono considerati giorni lavorati agli effetti del cedolino paga, come se il lavoratore avesse normalmente prestato la sua attività lavorativa in azienda. Ma per quanto riguara i giorni festivi e quelli non lavorativi (in caso di settimana corta) sono recuperati con una giornata di riposo compensativo o compensati con quote giornaliere di retribuzione in aggiunta alla retribuzione normalmente percepita. La disciplina che regola i permessi spettanti ai lavoratori subordinati  chiamati a presenziare i seggi elettorali scaturisce dal combinato disposto di due norme: - art. 119, DPR n. 361/1957 come sostituito dall’articolo 11 della legge n. 53/1990,  e  art. 1, legge n. 69/1992. I permessi elettorali dovranno essere concessi ai lavoratori pubblici e privati (sia con rapporto di lavoro subordinato  a tempo indeterminato che determinato)  che saranno ad assumere ruoli nei seggi elettorali, qualora andranno a ricoprire le seguenti figure: presidente di seggio; segretario; scrutatore; rappresentante di lista, di gruppo, di partiti; componente dei Comitati promotori in caso di referendum. Vale la pena ricordare che la normativa di riferimento non detta le modalità di scelta tra riposo compensativo e retribuzione e non definisce neppure eventuali maggiorazioni da corrispondere per i giorni festivi trascorsi al seggio. Si può ritenere dunque che spetti al lavoratore rifiutare o accettare l’eventuale riposo compensativo da fruire entro un arco temporale possibilmente ristretto, in quanto lo stesso ha natura compensativa del mancato riposo settimanale. I lavoratori dipendenti che saranno chiamati ad operare presso i seggi elettorali avranno diritto: ad assentarsi dal lavoro per tutto il periodo in cui sono tenuti a presenziare alle operazioni elettorali, previa richiesta scritta al datore di lavoro; al pagamento di specifiche quote retributive, in aggiunta alla ordinaria retribuzione mensile, ovvero a riposi compensativi, per i giorni festivi o non lavorativi eventualmente compresi nel periodo di svolgimento delle operazioni elettorali, oltre al compenso erogato dallo Stato.Se non ci dovesse essere una regolamentazione contrattuale, il lavoratore chiamato a svolgere funzioni al seggio, sarà tenuto ad osservare una serie di adempimenti dovuti sulla base dei principi di correttezza e buona fede insiti nel rapporto di lavoro: preavvertire tempestivamente il proprio datore di lavoro, con richiesta come da fac-simile, consegnando eventuale copia della convocazione a lui recapitata dal competente ufficio elettorale, cui seguirà certificazione presidente del seggio; ultimate le operazioni di voto, consegnare al datore di lavoro copia della documentazione attestante  l’indicazione dei giorni e delle ore occupate nella funzione svolta presso il seggio elettorale rilasciata dal presidente del seggio. I permessi richiesti per motivi elettorali concessi per tutto il tempo necessario all’adempimento delle funzioni presso gli uffici elettorali (politiche, amministrative, europee, referendum nazionali e regionali) sono considerati dalla legge, a tutti gli effetti, giorni lavorativi  e per questo motivo al datore di lavoro non è  consentito richiedere prestazioni lavorative nei giorni coincidenti con quelli richiesti per le operazioni elettorali, anche se eventuali esigenze di servizio dovessero collocarsi in orario diverso da quello di impegno ai seggi.