Vai alla Home Page
Iscritto all'Albo CAF del Ministero delle Finanze n.00066




click 202 Originale Aumenta Aumenta PDF Stampa Indietro

31/10/2023 - CONTRATTI DI SOLIDARIETA' 2023, DAL 2 NOVEMBRE PRECOMPILAZIONE DOMANDE

Le scadenze per la compilazione e l'invio delle domande di riduzione contributiva relativa ai contratti di solidarietà per l'anno 2023. Con un comunicato pubblicato nella giornata 29 ottobre nella sezione notizie del proprio portale, il Ministero del Lavoro informa che dal 30 novembre decorre il termine per l’inoltro delle domande di riduzione contributiva per contratti di solidarietà industriali relative all’anno 2023. Come accade ogni anno: la precompilazione delle domande potrà avvenire già  dal 2 novembre  prossimo, l'invio vero e proprio dal 30 novembre infine la scadenza finale è fissata al  10 dicembre 2023. Alla riduzione contributiva sono destinate: le imprese che alla data 30 novembre 2023 abbiano stipulato un contratto di solidarietà ai sensi del DLgs. 148/2015, nonché le imprese che abbiano avuto un contratto di solidarietà in corso nel secondo semestre dell’anno precedente. D'obbligo ricordare che si tratta dell'agevolazione contributiva rivolta alle imprese che stipulino o abbiano in corso contratti di solidarietà difensiva di tipo A, che comportino per i lavoratori una riduzione dell'orario di lavoro in misura superiore al 20%, e per i quali l'impresa può chiedere la riduzione del 35% della contribuzione a carico del datore di lavoro (Sgravio Contributivo ex lege n. 608/96 e s.m.i. - DD.II. n. 2/17 e n. 278/19).  Le istruzioni operative piu recenti per la  successiva fruizione dello sgravio in Uniemens sono state fornite dall'INPS  attraverso la circolare numero 40 del 5 aprile 2023. La domanda  va presentata online. Per l’accesso all’applicativo web è ammesso esclusivamente con le credenziali SPID o CIE (carta d’identità elettronica). Il pagamento dell’imposta di bollo è previsto solo mediante il sistema “PagoPA”,  utilizzando l’apposita funzione integrata nella piattaforma telematica. A questo proposito il comunicato ribadisce che è consigliabile non inviare le domande a ridosso della scadenza per consentire i tempi tecnici necessari a espletare il pagamento tramite PagoPA.