Iscritto all'Albo CAF del Ministero delle Finanze n.00066




click 161 Originale Aumenta Aumenta PDF Stampa Indietro

29/08/2023 - AUTO AZIENDALI, NO ALLA RICARICA COME FRINGE BENEFIT

Orientamento restrittivo dell'Agenzia sulle spese per auto aziendali elettriche con addebito come fringe benefit ai dipendenti nell'interpello 421 datato 25 agosto 2023. Nell'interpello numero 421 dello scorso 25 agosto, l'Agenzia delle Entrate ha analizzato il trattamento fiscale delle somme erogate dal datore di lavoro secondo l' Articolo 51 del TUIR (testo unico delle imposte sui redditi), in particolare ha chiarito la possibilità di rimborso delle spese connesse alla ricarica delle auto aziendali elettriche assegnate in uso promiscuo ai dipendenti. Nell'Interpello la Società in questione spiegava di voler rinnovare il proprio ampio parco di auto aziendali ad uso promiscuo con automezzi elettrici anche per sensibilizzare i dipendenti sul tema della sostenibilità ambientalen e inoltre chiedeva il corretto trattamento fiscale del rimborso delle spese per la ricarica effettuata presso la propria abitazione sia relativamente ai consumi di energia che per l'installazione di colonnine; da far rientrare eventualmente tra i fringe benefit addebitati ai dipendenti. Per il caso di specie, l'Agenzia ci tiene ad affermare che: l'installazione delle infrastrutture (wallbox, colonnine di ricarica e contatore a defalco) effettuata presso l'abitazione del dipendente fà parte dei beni che vanno separatamente valutati al fine di stabilire l'importo successivamente da assoggettare a tassazione in capo al dipendente; il consumo di energia  elettrica non rientra tra i beni e servizi forniti dal datore di lavoro (fringe benefit), ma costituisce un rimborso di spese sostenute dal lavoratore che costituiscono reddito di lavoro dipendente. La norma prevede per l'appuinto l'eccezione solo per quanto riguarda le spese sostenute nell'esclusivo interesse del datore di lavoro, anticipate quindi dal dipendente per una semplificazione operativa, come potrebbe essere per esempio l'acquisto di beni strumentali di piccolo valore e le spese per trasferte giustificate analiticamente.