Iscritto all'Albo CAF del Ministero delle Finanze n.00066




click 158 Originale Aumenta Aumenta PDF Stampa Indietro

26/07/2023 - COME FUNZIONA IL PROGRAMMA GOL CONTRO LA DISOCCUPAZIONE

Risultano nuovi dati sul programma GOL per il sostegno ai lavoratori in cerca di una nuova occupazione. Il decreto interministeriale Lavoro-MEF inerente al programma di politiche attive del lavoro Garanzia Occupazionale Lavoratori (meglio noto come GOL), risale all'anno 2021. Inizialmente venivano messi a disposizione i primi 88 milioni alle Regioni, e si prevedeva in totale 4,9 miliardi di euro fino all'anno 2025. Da ricordare che il programma GOL per la riqualificazione dei lavoratori in stato di bisogno, riguarda: i lavoratori in cassa integrazione; i beneficiari di Naspi e DISColl; i soggetti giovani NEET; le donne svantaggiate (si intendono donne disoccupate di lungo periodo); persone che hanno disabilità o fragilità; soggetti che superano i 55 anni d'età e disoccupati; i working poor (ovvero lavoratori con redditi molto bassi). Da precisare che si prevedono ben 5 percorsi differenzaiti per il ricollocamento lavorativo: il primo percorso è il reinserimento occupazionale per chi ha un profilo facilmente occupabile; il secondo percorso èaggiornamento  per migliorare specifiche competenze del lavoratore; il terzo percorso è riqualificazione in cui le attività formative saranno piu impegnative; il quarto percorso riguarda lavoro e inclusione, gestito in collaborazione con i Comuni per i casi con bisogni piu complessi; il quinto percorso ha come obiettivo laricollocazione collettiva per la gestione di crisi aziendali. Il Ministero prevede entro il 2025 il coinvolgimento di almeno 3 milioni di persone. Con la nota del 21 luglio 2023 sono stati diffusi i dati recenti sulle attività del programma Garanzia di Occupabilità dei Lavoratori (GOL).In data 30 giugno 2023 i lavoratori presi in carico dal Programma sono più di 1,3 milioni di beneficiari, più della metà dei quali inseriti nel percorso 1 reinserimento lavorativo. Il resto si distribuisce tra il percorso 2  (26%) e il percorso 3 (19,8%); mentre è pari al 3,7% la quota di persone indirizzate al percorso 4, lavoro e inclusione.La componente maggioritaria dei beneficiari è quella femminile con il 55,5% dei presi in carico; i giovani risultano essere il  26,5%; i soggetti senior (almeno 55 anni) rappresentano il 17,9%; infine gli stranieri sono il 14,8%.