Iscritto all'Albo CAF del Ministero delle Finanze n.00066




click 55 Originale Aumenta Aumenta PDF Stampa Indietro

18/11/2022 - MANOVRA 2023, SI ENTRA NEL VIVO

"Il bimestre che chiude l'anno è sempre un momento estremamente delicato e di grandissima importanza per via degli effetti che, inevitabilmente avrà sull'anno successivo e non solo - dice la Dottoressa Maria Emilda Sergio, Amministratore Unico del Caf Italia - perché coincide con i lavori, le discussioni e le proposte che porteranno alla Manovra e quindi alla Legge di Bilancio, ossia il riferimento normativo su cui costruire le politiche e gli interventi dei successivi 12 mesi e gettare le basi, su determinati argomenti, per i prossimi anni. Le settimane che restano da qui a fine anno saranno dunque caratterizzate da un'attività febbrile che - aggiunge la Dottoressa Maria Emilda Sergio - è in realtà già iniziata".

I preparativi per realizzare quella che viene considerata la Manovra finanziaria più attesa degli ultimi anni sono già iniziati e mostrano sin da subito tutte le difficoltà di una situazione oggettivamente complessa, sia a livello nazionale che per quel che concerne il panorama internazionale. Il Paese esce infatti da un durissimo biennio dominato dalla pandemia e dalle relative difficoltà economiche, in un contesto storico che presentava già grandi problemi in tal senso, e che sconta ora anche il grave aumento dei prezzi legato al conflitto in Ucraina e ai nuovi costi dell'energia. Fatalmente, quindi, tali vicende incidono in maniera importante sulle strategie da adottare e si è già delineato un quadro di massima, in cui pare prioritaria la necessità di fornire nuovi aiuti alle famiglie e di tagliare le tasse a favore di imprese e cittadini: resta ovviamente da risolvere il problema del reperimento delle risorse necessarie alla realizzazione di tale scopo. 

I prossimi giorni avranno quindi già un peso determinante per capire quali provvedimenti verranno attuati per rendere concreti i traguardi prefissati: a tale proposito va segnalato che in tempi molto brevi dovrebbe essere già presentato dal Governo il pacchetto fiscale relativo proprio alla Legge di Bilancio. Le informazioni che arrivano sono già abbastanza indicative e rappresentano molto di più che semplici indiscrezioni che filtrano in maniera magari incerta, poichè vengono individuati come interventi in rampa di lancio misure quali la digital tax, il nuovo condono relativo ai versamenti e alle cartelle, la nuova versione della tassa sugli extraprofitti dell’energia, la flat tax incrementale riservata solo ad autonomi e professionisti. Si tratta dunque di misure sicuramente di grande rilievo, che mirano alla collaborazione con i contribuenti per il recupero di somme importanti da destinare alle numerose esigenze presenti e che vogliono continuare a fornire un aiuto concreto a famiglie e aziende in questa fase che, si spera, sia di transizione fra le difficoltà attuali e la crescita per il prossimo anno, incentivando nel frattempo il lavoro e le attività dei titolari di Partita Iva attrvaerso un regime fiscale meno severo. 

"Il momento cruciale che sta vivendo il Paese invita a una profonda riflessione - afferma l'Amministratore Unico del Caf Italia, la Dottoressa Maria Emilda Sergio - ed è fondamentale che ogni riflessione e ogni energia spesa in questa fase così delicata a livello politico, sociale ed economico sia improntata, ora più che mai, al senso di responsabilità. Le sfide a cui siamo chiamati come collettività impongono il massimo rigore nel cercare di portare a compimento questa fase di passaggio verso la crescita, obiettivo già di per sè molto complesso e che purtroppo deve fare i conti anche con eventi esterni molto gravi e con riflessi immediati sulle nostre vite. La speranza è che si mettano in atto misure che lascino davvero da parte i toni e gli obiettivi della campagna elettorale e che mettano davanti a ogni cosa, con la collaborazione di tutti, il bene del Paese. Sottovalutare le difficoltà di un momento così delicato - conclude la Dottoressa Maria Emilda Sergio - sarebbe davvero un errore imperdonabile che rischierebbe di avere gravi conseguenze".