Iscritto all'Albo CAF del Ministero delle Finanze n.00066




click 42 Originale Aumenta Aumenta PDF Stampa Indietro

28/07/2022 - ITALIA, STIME DI CRESCITA IN RIALZO

Novità importanti in arrivo per la fondamentale questione della crescita economica nel nostro Paese, che procede a singhiozzo e provando a schivare imprevisti e difficoltà di non poco conto. Le previsioni relative alla possibile ripresa economica hanno conosciuto diverse correzioni in corso d'opera nei mesi scorsi, rimanendo sempre in un ambito positivo di crescita ma purtroppo con diversi aggiustamenti verso il basso: nei giorni scorsi, invece, si è fortunatamente registrata un'inversione di tendenza e i dati in questione sono stati ritoccati verso l'alto. Le recenti problematiche legate al grande balzo dei costi per l'energia e all'aumento rilevante dell'inflazione hanno infatti messi a dura prova le nostre aspettative di crescita, ridimensionando il diffuso clima di ottimismo venutosi a creare dopo due anni durissimi, fortemente caratterizzati dalla pandemia e dalle severe restrizioni legateca tale drammatico fenomeno. Adesso però arriva un intervento decisamente autorevole che ridà slancio alla fiducia nei miglioramenti del nostro sistema economico, giynel corso del 2022: a rivedere le previsioni in senso positivo è un soggetto come il Fondo Monetario Internazionale. Proprio dal FMI infatti arriva la comunicazione che le stime  di crescita per quel che concerne l'economia italiana nel 2022 sono riviste al rialzo, anche se vengono al momento tagliate quelle per il 2023. Secondo il Fondo, infatti, il 2,3% di crescita previsto per il 2022 va riconsiderato e aumentato di 0,7 punti percentuali, fino ad arrivare quindi al 3%: a spingere la crescita nel nostro Paese sono soprattutto l'attività industriale e il turismo. I dati comunicati sono molto importanti e danni grande fiducia anche per il futuro, anche in considerazione del fatto che la crescita attesa in Italia è superiore anche a quella preventivata per due colossi come Germania e Francia e che il nostro Paese è di fatto l'unico fra quelli del G7 per il quale le stime relative al 2022 vengono riviste al rialzo.