Iscritto all'Albo CAF del Ministero delle Finanze n.00066




click 71 Originale Aumenta Aumenta PDF Stampa Indietro

21/06/2022 - DA UE ARRIVANO 1,7 MILIARDI DI EURO PER RIPRESA SOSTENIBILE

Il nostro Paese, tra alti e bassi, fra ottimi risultati e qualche intoppo lungo il cammino, prosegue la sua marcia verso la ripartenza delle attività produttive e, in generale, del sistema economico, fortemente penalizzato da due anni di pandemia, come del resto accaduto per l'intera area che fa riferimento a Bruxelles. Proprio dall'Unione Europea arrivano spesso notizie confortanti in merito a tale percorso, in primis in riferimento al raggiungimento degli obiettivi fissati col PNRR per il 2021 e con la conseguente possibilità di beneficiare delle risorse legate appunto a tali risultati; ed è proprio di questi giorni la notizia del via libera europeo all'assegnazione di un ulteriore importante contributo per il nostro Paese. Andando un po' più nello specifico si tratta della concessione di aiuti pubblici pari a 1,7 miliardi di euro, cifra sicuramente considerevole che dovrà essere destinata a quegli investimenti legati a una ripresa sostenibile; in particolare, viene individuato un ventaglio di attività produttive specifiche al fine di raggiungere quest'altro, importante obiettivo. Sempre in linea con quanto disposto attraverso il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, il sostegno pubblico in questione dovrà servire per il finanziamento di investimenti in determinate attività, sia materiali che immateriali, che possano favorire lo sviluppo economico e la crescita produttiva, interessando aree e settori diversi. Si dovrà provvedere quindi a incentivare la diffusione di veicoli elettrici e veicoli connessi, a rilanciare le aree maggiormente soggette alle difficoltà legate alla crisi industriale, a favorire l'utilizzo di energie rinnovabili e batterie, a incrementare contratti che possano stimolare gli investimenti in materia di turismo, tutela dell'ambiente e attività industriali. Assolutamente fondamentale però il fatto che il nostro Paese garantisca che gli investimenti finanziati siano tutti ecosostenibili. Secondo le stime fornite, saranno almeno 100 le imprese che beneficieranno di tale misura, anche se il numero in questione potrebbe addirittura arrivare fino a 500.