Iscritto all'Albo CAF del Ministero delle Finanze n.00066




click 81 Originale Aumenta Aumenta PDF Stampa Indietro

18/05/2022 - GREEN, INCENTIVI PRONTI PER I VEICOLI

Tra i principali obiettivi portati avanti con forza dall'Unione Europea e che riveste grande importanza anche nell'insieme degli obiettivi da raggiungere per mezzo del Piano Nazionale di Riprese e Resilienza, vi è anche la transizione ecologica; si tratta di un tema che negli ultimi anni, fortunatamente, si è ritagliato sempre più spazio nelle agende politiche di tutti i Paesi e che prende spunto dalle problematiche legate all'ambiente e frutto anche della non adeguata importanza data all'argomento. Ogni Governo è chiamato a mettere in atto soluzioni in grado di favorire tale processo green in diversi ambiti, a partire dai mezzi di trasporto, specialmente quelli privati. A tale riguardo arrivano novità importanti comunicate per mezzo della piattaforma ecobonus.mise.gov.it , dove viene specificato che i concessionari avranno modo di prenotare i contributi con i contratti però validi sin da subito: questa misura consentirà quindi di andare verso una spinta importante in favore di una società più ecologica, fornendo al contempo anche un aiuto fondamentale per un settore in particolare difficoltà. Per gli incentivi sono stati stanziate cifre importanti, pari a 650 milioni di euro per ogni singolo anno del triennio 2022-2024, che fanno parte delle risorse approvate dal Governo nel Fondo automotive per il quale è prevista una dotazione finanziaria complessiva di 8,7 miliardi di euro per i prossimi anni, precisametne fino al 2030. Andando ancor più nello specifico, i 650 milioni di euro per il 2022 vengono ripartiti in questa maniera: 220 milioni di euro per le vetture elettriche, 225 milioni di euro per le ibride plug -in, 170 milioni di euro per le endotermiche a basse emissioni. Per mquel che concerne invece motocicli e ciclomotori sono stati stanziati 10 milioni di eruo per quelli non elettrici e altri 15 milioni di euro per gli elettrici;ai veicoli commerciali di categoria N1 e N2 saranno invece indirizati 10 milioni di euro.