Iscritto all'Albo CAF del Ministero delle Finanze n.00066




click 92 Originale Aumenta Aumenta PDF Stampa Indietro

31/03/2022 - COMUNI SVANTAGGIATI, MAGGIORI RISORSE PER DISABILI E NIDI

Cambiamenti importanti in arrivo in numerosi settori del nostro Paese, nella speranza che l conflitto in Ucraina approdi presto a una soluzione diplomatica e che il mondo possa finalmente girare pagina dopo i due anni drammaticamente segnati dalla pandemia da Covid - 19. Nel frattempo i vari governi stanno approntando misure che si spera possano rilanciare i vari sistemi economici, incoraggiando investimenti e consumi e favorendo l'aumento dell'occupazione; il trend riguarda in pieno anche l'Italia, chiamata a una ripresa particolarmente vigorosa anche per lasciarsi alle spalle un periodo lunghissimo segnato dalla recessione mondiale e dall'incapacità sostanziale di riuscire a superarla compiutamente. Le grandi risorse in arrivo col Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza rappresentano un'occasione unica in tal senso, un'opportunità da cogliere e da valorizzare al massimo grado.. Le novità in arrivo riguardano anche la possibilità di voltare pagina in merito ad argomenti in stand by da diversi anni e che adesso sembra finalmente possibile correggere e modificare: tra questi, le regole che guidano la maniera in cui vengono organizzati diversi servizi essenziali in zone particolarmente svantaggiate: in particolare, la commissione per i fabbisogni standard ha approvato le nuove regole per suddividere le risorse stanziate dalla legge di bilancio 2022 in riferimento ai fondi per gli asili nido e il trasporto degli alunni disabili. La novità, di grande portata, è in sostanza relativa al fatto che i Comuni più svantaggiati potranno adesso essere quelli più finanziati, almeno fino a quando non avranno raggiunto gli obiettivi fissati, obiettivi che per gli asili nido è pari a un'offerta di 33 posti ogni 100 bambini residenti. Ci si aspett quindi di aiutare le regioni del Sud a colmare, almeno in parte, alcune lacune ormai croniche e consentire anche alle famiglie di usufruire di servizi essenziali che purtroppo, spesso, sono ancora preclusi per tanti cittadini.