Iscritto all'Albo CAF del Ministero delle Finanze n.00066




click 131 Originale Aumenta Aumenta PDF Stampa Indietro

10/01/2022 - CONGEDI PARENTALI COVID, PROROGA AL 31 MARZO

La legge, in Italia come in altri Paesi, prevede precise forme di tutela per quelle situazioni in cui si verifica un periodo di astensione dal lavoro da parte di un genitore: nel nostro Paese, in questi casi, si parla di congedo parentale. Relativamente a tale argomento, era stato deciso di estendere le regole legate alla pandemia da Covid-19 e riferite a tale particolare misura fino alla conclusione del 2021, visto il perdurare dell'incertezza generale e in conseguenza del fatto che il numero dei contagi continua a essere elevato; arriva adesso la notizia che, con la proroga al 31 marzo 2022 dello stato di emergenza, comunicata mediante il decreto Legge n. 221 del 24 dicembre 2021, anche il congedo parentale per Covid viene prolungato fino alla medesima data. Ricordiamo che nello specifico, come cause legate al Covid si intendono ad esempio la quarantena o la malattia dei figli, ma anche la sospensione della didattica in presenza e il ricorso a quella a distanza. A ufficializzare la proroga della misura rivolta ai genitori lavoratori è il messaggio Inps n. 74 datato 8 gennaio 2022, con le indicazioni che sono rivolte tamto ai lavoratori dipendenti quanto agli autonomi iscritti alla Gestione separata e alle Gestioni speciali Inps. Per quel che concerne i dipendenti la misura in questione si sostanzia nella possibilità per il lavoratore di assentarsi dal lavoro potendo però contare su un indennizzo quantificabile nel 50% della retribuzione, in riferimento a figli conviventi con meno di 14 anni di età oppure a figli con disabilità grave, che vivano, come specificato, una situazione di malattia da Covid 19 o di quarantena per contatto con soggetto positivo a Covid 19, o che siano costretti a seguire le lezioni tramite didattica a distanza  in seguito alla sospensione della didattica in presenza. Va ricordato come il congedo parentale possa essere goduto alternativamente dai due genitori sia in forma oraria che in forma giornaliera, ma non contemporaneamente dai due e che i periodi di congedo parentale sono comunque coperti da contribuzione figurativa. Per quanto riguarda i lavoratori autonomi si aspetta il rilascio delle relative procedure.