Iscritto all'Albo CAF del Ministero delle Finanze n.00066




click 137 Originale Aumenta Aumenta PDF Stampa Indietro

03/01/2022 - DAL MISE SPINTA PER LA DIGITALIZZAZIONE

La crescita economica del Paese passa anche da un'adeguata crescita a livello tecnologico, settore in cui non sempre l'Italia ha dimostrato di essere al livello di molti altri Stati: anche il Piano Nazionale di Resistenza e Resilienza, il documento guida per la ripresa nella fase post-Covid e che in realtà è già il riferimento principale adesso che la pandemia vive un nuovo ritorno che evidenzia come il problema non sia ancora risolto, anzi, individua come una delle priorità principali un salto di qualità della digitalizzazione del settore produttivo italiano. La strategia per la realizzazione del progetto di diffusione della banda ultralarga rappresenta una priorità per il Paese e, dopo aver riguardato scuole e famiglie, ha come principale riferimento le imprese, poiché il raggiungimento di tale obiettivo è considerato strumento irrinunciabile per il rilancio del comparto produttivo. A tal proposito, quindi, arrivano incentivi importanti destinati a una platea davvero molto ampia di beneficiari: secondo le previsioni ufficiali, infatti, si calcola che potrebbero usufruire degli aiuti previsti almeno 850 mila imprese, numero di per sé notevole ma che potrebbe addirittura arrivare a 1 milione e 400 mila aziende. A chiarire con ancora maggiore forza l'importanza di tali interventi è la somma messa a disposizione: il Ministero dello Sviluppo Economico, infatti, è in procinto di stanziare qualcosa come 609 milioni di euro in risorse per tale obiettivo. Le risorse in questione verranno dunque messe in campo e si farà di tutto affinché non vadano sprecate, che non siano male utilizzate o addirittura perdute: a tal proposito il Ministero ha affermato che verrà avviata una campagna di comunicazione mirata, volta a informare e a specificare gli enormi vantaggi legati per l'appunto al processo di digitalizzazione delle aziende.