Iscritto all'Albo CAF del Ministero delle Finanze n.00066




click 154 Originale Aumenta Aumenta PDF Stampa Indietro

23/12/2021 - MANOVRA, AIUTI IN DIVERSI SETTORI

La chiusura dell'anno solare implica un rush finale per programmare in maniera adeguata l'arrivo dell'anno successivo. Tale operazione, già di per sé complessa e decisamente impegnativa, reca anche quest'anno (al pari dell'anno scorso) un surplus di difficoltà a causa della situazione generale legata alla lotta al Coronavirus, con tutto ciò che ne consegue, inevitabilmente, anche a livello sociale, economico e occupazionale. La manovra che va a chiudere il 2021 deve dunque fare i conti con una situazione ancora abbastanza distante dal concetto di normalità a cui tutti noi eravamo abituati prima del Covid, anche se di molto migliore rispetto al panorama complessivo di fine 2020. E oltre agli interventi catalogati come urgenze o come misure di assoluto rilievo, esistono tante altre voci che interessano molti settori comunque bisognosi di voltare pagina e che quindi accolgono con un sospiro di sollievo l'arrivo di risorse eocnomiche. In totale, si calcola che gli aiuti splamati su diversi argomenti si aggirino intorno alla cifra, comunque importate, di 400 milioni di euro, riguardando un campionario di voci differenziate e variegato: si passa, infatti, dagli stanziamenti per le vittime di violenza pari a 15 milioni ad altri 10 milioni per la lotta contro il randagismo, senza poi contare i fondi per la fauna selvatica (4,5 milioni) e per la sterilizzazione dei cinghiali in eccesso (500 mila euro). Non mancano poi gli aiuti specifici quali, ad esempio, i 10 milioni per la ceramica e vetro artigianali di Murano, 10 milioni per l'industria tessile di Prato e 5 milioni per i Gran Premi di Formula 1 (Imola e Monza). Attivati anche i fondi per le celebrazioni previste per il 2022, così come per alcuni aspetti specifici del vasto settore turistico (si pensi ad esempio al  fondo per la tutale e la valorizzazione degli Archi romani antichi in Italia o ai carnevali storici) e per gli impianti ippici. Inoltre, sono presenti aiuti aventi come destinatari alcuni Comuni sparsi sul territorio nazionale da Nord a Sud.