Iscritto all'Albo CAF del Ministero delle Finanze n.00066




click 36 Originale Aumenta Aumenta PDF Stampa Indietro

18/11/2021 - COVID, POSSIBILE SOSPENDERE LA CESSIONE DEL CREDITO

Nel corso degli ultimi due anni sono stati utilizzati numerosi strumenti per cercare di contenere prima ed eliminare poi le enormi difficoltà legate alla comparsa del Covid-19, difficoltà che hanno stravolto i sistemi economici di tutti i Paesi del mondo generando una crisi che non ha eguali per durata ed estensione. Misure straordinarie di vario genere sono state adottate in varie fasi e per scopi diversi, per aiutare i cittadini con versamenti una tantum, per sostenere le imprese, per incentivare il lavoro, per provare, in definitiva, a rianimare economicamente un Paese che non poteva permettersi di fermarsi completamente col rischio di non aver più poi la forza di ripartire. Gli interventi pubblici sono stati tanti e particolarmente consistenti, concretizzandisi attraverso una serie di importanti provvedimenti: tra questi troviamo anche il Decreto Legge n. 34 del 19 maggio 2020. Il decreto in questione consta di diversi articoli e, fra tutti, soffermiamo la nostra attenzione su uno in particolare, vale a dire il n. 122, perché ad esso fa riferimento un recente intervento normativo. Il recente Decreto Legge n. 157 dello scorso 11 novembre, infatti, all'articolo 2, specifica che l'Agenzia delle Entrate può intervenire per mettere in atto la sospensione dell'efficacia delle cessioni relative ai crediti di imposta introdotti proprio con l'obiettivo di contrastare gli effetti negativi della pandemia da Covid-19, quindi proprio quelli introdotti mediante il sopra citato articolo n. 122 del Decreto Legge n. 34 del 19 maggio 2020. La ragione di questa misura sta nel rischio, purtroppo concreto e verificato, di possibili frodi legate proprio ai benefici in questione: ovviamente per procedere alla sospensione in oggetto occorre essere in presenza di concreti segnali di rischio che andranno poi adeguatamente verificati, approfonditi e valutari: la speranza è che questo tipo di intervento possa avere una funzione soprattutto preventiva e che non debba trovare spesso applicazione in concreto.