Iscritto all'Albo CAF del Ministero delle Finanze n.00066




click 54 Originale Aumenta Aumenta PDF Stampa Indietro

01/10/2021 - BLACK LIST, ULTIMI AGGIORNAMENTI

I reati di natura fiscale rappresentano ancora un problema di vasta portata che riguarda tutte le economie del mondo, danneggiandole in maniera molto pesante. Negli ultimi anni tuttavia si sono intensificati i tentativi di limitare i danni legati a fenomeni come evasione ed elusione fiscale, anche attraverso le sempre più strette collaborazioni fra i diversi Governi, l'aumento di poteri anche a organismi sovranazionali e l'intensificazione di controlli e verifiche. Un momento importante a tal proposito è stato sicuramente quello della creazione di una nuova lista nera di Paesi da parte dell'Unione Europea: ciò è avvenuto sul finire del 2017, con l'individuazione e la segnalazione di 17 Paesi indicati cone Paradisi fiscali. Scopo precipuo dell'istituzione della black list fiscale, che viene valutata e aggiornata due volte l'anno, è per l'appunto quello di combattere e limitare frodi, elusione ed evasione fiscale, indebolendo di conseguenza anche le attività di riciclaggio (spesso strettamente legate al terrorismo internazionale e alla criminalità organizzata), provando a garantire un livello di trasparenza della fiscalità globale sempre più elevato. In merito alla lista nera le ultime indiscrezioni parlano della riduzione del numero di Paesi che ne faranno parte sin dai prossimi giorni, poiché non ci saranno nuovi ingressi ma sono previste ben tre uscite: le isole caraibiche di Anguilla e Dominica e anche uno dei Paesi più noti tra quelli legati a tale elenco, ossia le Seychelles. Questa importante novità è conseguenza del fatto che i tre Paesi citati si sono impegnati ad accogliere le richieste OCSE, accettando di sottoporsi a una valutazione supplementare e di favorire lo scambio di informazioni ai fini fiscali.