Iscritto all'Albo CAF del Ministero delle Finanze n.00066




click 51 Originale Aumenta Aumenta PDF Stampa Indietro

17/09/2021 - IL MOMENTO DELL'EUROPA, TRA LOTTA AL COVID E NUOVE SFIDE

Il ritorno alla vita di tutti i giorni sembra piano piano prendere forma in maniera diffusa in tantissimi Paesi, anche se chiaramente non si può considerare la battaglia contro la pandemia ormai vinta e conclusa, così in Italia come peraltro nel resto del mondo. Però adesso circola un senso di soddisfazione diffuso in seno all'Europa per come la lotta al Covid ha portato risultati straordinari per fronteggisre la pandemia più grave degli ultimi secoli. A dar voce a tale soddisfazione, sempre però invitando al contempo a non abbassare la guardia in ambito sanitario e a dare fondo a tutte le energie per la ripresa dell'economia, sono proprio i soggetti più autorevoli dell'area UE. Tra gli interventi di maggior rilievo troviamo senza dubbio quello della Commissione Europea che, nei giorni scorsi, ha voluto sottolineare con grande soddisfazione gli importanti risultati raggiunti nella campagna di vaccinazione: proprio grazie ai risultati conseguiti è stato possibile allentare in maniera drastica le misure restrittive precedentemente imposte e ripristinare una quasi completa normalità nel Vecchio Continente. L'Unione Europea ha assunto un ruolo di leadership nel mondo in tal senso, con il 70% di adulti vaccinati e la realizzazione di un piano economico di assouto valore e senza precedenti, ossia la Next Generation UE, di fondamentale importanza sia nell'immediato, consentendo agli Stati membri di ottenere ossigeno puro con tale intervento, sia nel medio e lungo periodo, dando la possibilità di investimenti assolutamente necessari per sostenere le imprese e progettare la ripresa economica. A livello sanitario, oltre alla percentuale molto alta di persone vaccinate, va inoltre considerato in maniera positiva che in termini di numeri assoluti sono stati distribuiti circa 700 milioni di dosi di vaccino alla popolazione europea e che altre 700 milioni di dosi sono invece state inviate a Paesi extra UE, con circa 30 Stati destinatari. Al di là di numeri e interventi concreti, peraltro di grandissima importanza, ciò che viene evidenziato con orgoglio dalla Commissione Europea è la sensazione che l'Europa abbia affrontato la terribile prova della pandemia con uno spirito nuovo, in cui traspare un grande senso di unità e di comunità, una vera anima europea che forse era un po' mancata negli ultimi anni.