Iscritto all'Albo CAF del Ministero delle Finanze n.00066




click 38 Originale Aumenta Aumenta PDF Stampa Indietro

31/03/2021 - UE: ACCELERARE PER PASSAPORTO SANITARIO

La rincorsa alla normalità per ogni singolo Paese passa da tanti aspetti: se come urgenze assolute ci sono in primis quella sanitaria e la tutela della salute, seguita a ruota dalla ripresa economica e del lavoro, nonché dalla ripresa delle lezioni in presenza, non vanno trascurate altre voci che, in questo mesi, sono state in secondo piano ma che alla lunga stanno acquisendo unn valore sempre più rilevante, perché intimamente legate alla libertà delle persone. Nel novero di queste libertà rientra senza dubbio il diritto alla libera circolazione e, con esso, il diritto di spostarsi anche tra un Paese e l'altro: al netto di accordi specifici fra alcuni Stati e di sporadici momenti in cui è stato possibile viaggiare ad oggi permangono divieti pressoché universali, nonostante la possibilità di adottare accorgimenti quali il distanziamento, l'utilizzo di mascherine e altri dispositivi di protezione individuale e l'effettuazione di tamponi e test covid nei giorni immediatamente precedenti un'eventuale partenza. Nelle ultime settimane però sembra farsi strada un'ipotesi di cui si parla da un po' di tempo, ossia la realizzazione di un passaporto sanitario che possa favorire la ripresa degli spostamenti, quantomeno inizialmente all'interno dell'area UE e poi anche verso altri Paesi, sempre tutelando la salute di tutti. Si tratterebbe di un importantissimo passo in avanti che aiuterebbe anche la ripresa di un settore fondamentale, ossia il turismo: va da sé che anche la ripartenza economica trarrebbe da ciò grande giovamento. Le sfide che attendono il Paese sono dunque tante e diverse tra loro: ora più che mai occorre mettere in atto misure efficaci con coraggio e lucidità.