Iscritto all'Albo CAF del Ministero delle Finanze n.00066




click 1059 Originale Aumenta Aumenta PDF Stampa Indietro

04/03/2021 - BOLLETTE, SCONTI AUTOMATICI: ECCO COME

Il diritto ad agevolazioni sulle bollette di acqua, gas e luce fa parte del sistema economico del nostro Paese da molti anni: tuttavia, a partire dal 2021 arriva in tal senso una novità molto importante, destinata a facilitare l'accesso ai benefici in questione da parte di tanti contribuenti. Tali sconti, infatti, non andranno più richiesti ma diverranno automatici. Per poter contare sul prezioso aiuto rappresentato dallo sconto, infatti, sarà sufficiente limitarsi alla presentazione della Dichiarazone Sostitutiva Unica: si stima che potranno contare sul beneficio in questione più di 2 milioni e mezzo di famiglie in situazione di disagio economico. La novità descritta non avrà un impatto solo riguarda alla facilità di accesso in sè, bensì sullìeffettivo numero di soggetti che ne potranno realmente usufruire, tant'è vero che si calcola che in passato, per via del vecchio meccanismo, basato sull'assegnazione del bonus su richiesta, solo un terzo degli aventi diritto abbia effettivamente avuto accesso agli sconti spettanti per legge. Tale passo va quindi nella direzione della semplificazione, uno dei capisaldi su cui si proverà a improntare il futuro dell'Erario, nonchè la prossima riforma fiscale. Riguardo alle date e all'operatività di questa importante novità, senza addentrarci troppo in aspetti tecnici (consigliamo sempre di rivolgervi a una delle numerose sedi del Caf Italia dislocate su tutto il territorio nazionale), chiariamo come tale meccanismo abbia sì validità a partire dal 1° gennaio 2021, ma che l'ammissine all'agevolazione, in questa prima fase, partirà nel mese di luglio: va da sè che le quote maturate nei mesi precedenti a quello di luglio 2021 verranno comunque riconosciute, chiaramente una volta che verrà verificata e accertata la sussistenza del diritto. Relativamente ai criteri Inps da rispettare, è necessario che sia presente almeno una delle seguenti condizioni per poter accedere agli sconti stabiliti per legge, ossia essere titolari di Reddito di cittadinanza o Pensione di cittadinanza, avere un indicatore ISEE che non superi 8.265 euro, oppure un indicatore ISEE non superiore a 20.000 euro con almeno 4 figli a carico.