Iscritto all'Albo CAF del Ministero delle Finanze n.00066




click 82 Originale Aumenta Aumenta PDF Stampa Indietro

18/12/2020 - ITALIA, PROGRESSI SUL TEMA DELLA TRASPARENZA FISCALE

"In materia fiscale si attende con grande interesse la realizzazione di una riforma fiscale importante e troppe volte colpevolmente rimandata - è quanto afferma la Dottoressa Maria Emilda Sergio, Amministratore Unico del Caf Italia - anche perché tale evento potrebbe rappresentare un vero punto di svolta per il nostro Paese, ancora legato a un sistema ormai non in grado di stare al passo con le importanti novità che hanno investito tutti gli aspetti della quotidianità negli ultimi anni. E nel mettere in piedi una riforma efficace e coraggiosa - continua la Dottoressa Maria Emilda Sergio - è opinione comune che bisognerà individuare come pilastri fondamentali alcuni concetti ben precisi, quali equità, sostenibilità e trasparenza".

Il fatto che il nostro sistema di funzionamento del Fisco sia spesso insensibile ai reali problemi che investono il Paese e i cittadini/contribuenti è un fatto ormai ampiamente discusso e una riforma ben fatta potrebbe essere sicuramente un nuovo, importantissimo punto di partenza in tal senso. Un sistema sostenibile consentirà di poter inquadrare in maniera meno complessa la questione dell'equità, perché sarà più facile far sì che ogni cittadino contribuisca alla spesa pubblica secondo quelle che sono le sue reali possibilità, senza eludere tale dovere ma, al contempo, senza dover subire una pressione fiscale tropo gravosa. L'altro pilastro fondamentale prima menzionato è quello che forse più si presta a interpretazioni e che racchiude diversi significati in sé: al di là di qualsiasi considerazione in merito, però, è evidente che un sistema basato sulla trasparenza potrà permettrere al Fisco di improntare su un livello maggiore di fiducia il rapporto con i contribuenti.

Il concetto di trasparenza però è altrettanto importante nell'ambito dei rapporto fra i diversi Paesi e fra ciascuno di questi con le organizzazioni e le istituzioni sovranazionali: e in tale contesto è indubbiamente degno di nota il punto di vista espresso dall'Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico, secondo cui la trasparenza per quel che riguarda le decisioni fiscali gioca un ruolo di primo piano nel panorama fiscale internazionale. È molto interessante notare come, fra gli 81 Paesi in linea con quanto stabilito sul tema dello scambio di informazioni al riguardo, sia compresa pure l'Italia: si tratta di un risultato per nulla trascurabile, considerando come, negli anni precedenti, l'Italia avesse ricevuto invece due raccomandazioni a causa dei cronici ritardi nell'invio delle informazioni al Fisco degli altri Paesi.

"La collaborazione con gli altri Paesi e con le relative Amministrazioni fiscali è un tema delicato e di assoluta importanza - è quanto afferma l'Amministrstire Unico del Caf Italia, la Dottoressa Maria Emilda Sergio - per cui è molto positivo il fatto che l'OCSE riconosca al nostro Paese una nota di merito in tale contesto. Siamo sicuri che attraverso la strada della condivisione di informazioni, idee e progetti sarà meno difficile uscire da questo periodo molto complicato - conclude l'Amministratore Unico del Caf Italia - e dare vita a un nuovo periodo, restituendo fiducia e serenità ai cittadini".