Iscritto all'Albo CAF del Ministero delle Finanze n.00066




click 102 Originale Aumenta Aumenta PDF Stampa Indietro

09/12/2020 - CONSUTABILE GRATUITAMENTE L'ARCHIVIO DELLE COMPRAVENDITE IMMOBILIARI

Negli ultimi anni ha assunto un valore sempre più importante il concetto di tutela dei dati sensibili e della privacy; parallelamente però, e non in antitesi come si potrebbe superficialmente pensare, si è sempre più diffusa l’idea di garantire la massima trasparenza pressoché in ogni settore delle attività quotidiane. I due concetti, come detto, non sono opposti, ma possono essere intesi in realtà come due facce della stessa medaglia, poiché si fa sempre più chiaro e netto il confine fra le informazioni che possono condividere e diffondere, col sottinteso che sia auspicabile farlo per fornire un livello ancora maggiore di credibilità e sicurezza, e quelle che invece rientrano nella sfera della riservatezza. E proprio in relazione alla maggiore trasparenza garantita ai cittadini/contribuenti, si provvede con sempre maggiore frequenza a rendere pubbliche e consultabili determinate informazioni, come avvenuto ad esempio in materia catastale: da pochi giorni infatti, e più precisamente dal 7 dicembre 2020, è finalmente attivo il servizio che permette la consultazione dei corrispettivi dichiarati dagli attori coinvolti nelle transazioni immobiliari (a titolo oneroso). È bene rimarcare come tale servizio attivo dallo scorso lunedì sia a titolo gratuito. In tal modo, i cittadini interessati potranno dunque accedere all’elenco degli atti stipulati a partire dalla data del 1° gennaio 2019 e consultare tutte le informazioni relative a ogni singola unità immobiliare al centro di un’operazione di compravendita: come accennato, il tutto avverrà ovviamente nel rispetto assoluto delle norme sulla tutela dei dati personali. Cittadini comuni e tutti gli appartenenti alle categorie professionali potranno accedere al servizio in questione previa autentificazione attraverso gli appositi canali, vale a dire credenziali rilasciate dall’Agenzia delle Entrate, SPID o smart card in linea con i requisiti della Carta Nazionale dei Servizi, e procedere alla ricerca dei dati tramite area territoriale o toponimo.