Iscritto all'Albo CAF del Ministero delle Finanze n.00066




click 36 Originale Aumenta Aumenta PDF Stampa Indietro

16/09/2020 - CREDITO DI IMPOSTA PER BOTTEGHE E NEGOZI, ALCUNI CHIARIMENTI

Lo strumento del credito di imposta continua a rappresentare in molti casi la soluzione più facile e vantaggiosa per diverse categorie di contribuenti fra quelle messe a disposizione dalle norme in vigore nel nostro ordinamento, perlomemo fino a quando la tanto attesa riforma fiscale non interverrà mettendo mano (quantomeno questo è l'auspicio generale) sulla selva di bonus, detrazioni e agevolazioni che caratterizzano ad oggi il nostro sistema fiscale, realizzando magari degli interventi strutturali capaci di dare una diversa impronta a questo tipo di cose. Ad oggi comunque continua inevitabilmente il ricorso a questo genere di soluzioni nei più svariati settori e non sempre è facile per i contribuenti avere le idee chiare in merito alla possibilità o meno di accedere a un determinato beneficio e alle eventuali modalità di utilizzo dello stesso, tanto da rendere necessario il ricorso a chiarimenti presso soggetti istituzionali. Ad esempio, in merito al credito d'imposta nel settore delle locazioni, arriva un importante intervento da parte dell'agenzia delle Entrate: mediante risposta a interpello n. 318 dello scorso 7 settembre 2020, infatti, le Entrate si esprimono in maniera favorevole in merito al diritto alla fruizione di detto credito a beneficio di botteghe e negozi nel caso particolare di contratto di concessione di immobile pubblico, compresi i casi in cui non si sia al cospetto di contratto di locazione cosiddetto "tipico". L'Agenzia precisa che il credito d'imposta previsto dall'articolo 24 del Decreto Rilancio spetta per determinati canoni, ossia quelli relativi a un contratto di locazione così come identificato dagli articoli 1571 e seguenti del codice civile e disciplinati dalla Legge n. 392 del 27 luglio 1978. Con ulteriore chiarimento, va detto quindi che, indipendentemente dalla qualificazione eventuale del contratto, la fruizione del credito di imposta ha la stessa funzione economica del contratto di locazione tipico per cui l'agevolazione è prevista.