Iscritto all'Albo CAF del Ministero delle Finanze n.00066




click 37 Originale Aumenta Aumenta PDF Stampa Indietro

14/09/2020 - AUTONOMI, CODICE TRIBUTO PER RITENUTE NON VERSATE

Il periodo che si spera possa essere definitivamente lasciato alle spalle è stato caratterizzato da numerosi interventi con carattere di straordinarietà messi in atto dal Governo al fine di provare a contenere le pesanti conseguenze derivanti dalla sospensione delle attività produttive causata dalla pandemia globale. Tra le numerose iniziative in tal senso, la concessione di bonus e benefici spese diverse categorie e la possibilità di prorogare la scadenza di determinati oneri di natura fiscale, attendendo per la regolarizzazione della posizione dei contribuenti il ritorno alla normalità, perlomeno per quel che concerne il mondo del lavoro. A tal proposito arriva la notizia dell'istituzione del codice tributo necessario affinché determinate categorie possano provvedere a effettuare i versamenti  dovuti: per la precisione, i soggetti titolari di reddito da lavoro autonomo e di provvigioni relativi a rapporti di varia natura, come commissione, mediazione, agenzia, procacciamento d'affari e rappresentanza di commercio, i cui ricavi o compensi non siano superiori al tetto massimo di 400mila euro con riferimento al 2019 come periodo d'imposta, che non hanno provveduto ad assoggettare ricavi e compensi percepiti nel periodo che va dal 17 marzo al 31 maggio 2020, hanno adesso la possibilità di effettuare i versamenti dovuti per mezzo del modello F24 e servendosi del codice tributo "4050": il codice tributo in questione è denominato "Ritenute d'acconto non operate versate dai lavoratori autonomi - art. 19, comma 1, D.L. 8 aprile 2020, n.23. Per quel che concerne i dettagli operativi e per ulteriori informazioni invitiamo a contattare una delle numerose sedi del Caf Italia presenti su tutto il territorio nazionale.