Iscritto all'Albo CAF del Ministero delle Finanze n.00066




click 236 Originale Aumenta Aumenta PDF Stampa Indietro

19/05/2020 - BONUS VACANZE, COME FUNZIONE E A CHI SPETTA

In attesa di un’analisi completa e approfondita delle numerose novità contemplate dal tanto atteso Decreto Rilancio, proviamo ad affrontare alcuni punti delle misure previste dagli importantissimi provvedimenti in arrivo a stretto giro di posta. Fra i tempi più spinosi troviamo indubbiamente quello del turismo, un settore cruciale per la nostra economia nonché per le abitudini di tutti gli italiani, ancora oggi senza alcuna certezza su ciò che sarà possibile fare e su dove sarà possibile recarsi nell’estate ormai imminente. Volgendo lo sguardo al turismo come settore economico di primissimo piano per il nostro Paese, nel tentativo di raggiungere il duplice obiettivo di aiutare le imprese nostrane e di andare incontro di chi vuole fruire dei servizi turistici, ecco un bonus ad hoc. Per il 2020, infatti, c’è un Tax credit vacanze dal valore che può arrivare fino a un limite massimo di 500 euro per nucleo familiare, rispettando però un tetto ISEE in corso di validità che non superi i 40.000 annui. Il bonus potrà esser utilizzato per usufruire di servizi in ambito nazionale forniti da agriturismi, bad & breakfast e imprese turistico ricettive nel periodo compreso fra il 1°luglio e il 31 dicembre dell’anno in corso; relativamente all’importo di tale agevolazione, esso sarà di 500 euro per nucleo familiare, scendendo però a 300 euro per nuclei composti da due persone e a 150 euro per nuclei composti da una sola persona. Il credito potrà essere fruito per l’80% dell’importo sotto forma di sconto presso la struttura scelta e per il restante 20% come detrazione d’imposta in dichiarazione dei redditi. Va altresì chiarito che il totale del corrispettivo, da utilizzare in soluzione unica e per servizi resi da una sola impresa turistica ricettiva, va necessariamente documentato con fattura elettronica o comunque mediante documento commerciale e che il pagamento dei servizi in questione deve essere corrisposto senza il lavoro o l’aiuto di soggetti intermediari diversi da tour operator o agenzie di viaggi.