Iscritto all'Albo CAF del Ministero delle Finanze n.00066



click 33 Originale Aumenta Aumenta PDF Stampa Indietro

25/06/2019 - FATTURA ELETTRONICA: L’AGENZIA DELLE ENTRATE RISPONDE A DIVERSI DUBBI

L’Agenzia delle Entrate con la Circolare n. 14 del 17 giugno 2019 fornisce nuove precisazioni sull'e-fattura. I temi trattati vanno dall’ambito oggettivo e soggettivo di applicazione, ai termini e modalità di emissione e registrazione dei documenti, imposta di bollo, criteri di compilazione delle autofatture, nuove disposizioni Iva che hanno impatto sul sistema di fatturazione elettronica, conservazione e consultazione dei documenti emessi, sanzioni applicabili. Il nuovo documento di prassi delle Entrate risponde ai recenti dubbi emersi dai lavori del Forum sulla fatturazione elettronica e dalle segnalazioni di operatori e contribuenti, ovvero chi deve emetterla? chi ne è esonerato? come e quando va emessa? cosa va fatturato? come comportarsi in caso di fatture che presentano sia spese sanitarie che non? cosa fare con l’imposta di bollo se la fattura viene scartata? Come poi ricorda l’Agenzia delle Entrate, la regola generale in tema di operazioni rilevanti ai fini Iva, ossia quella per cui, dal 1° gennaio 2019, se una fattura va emessa, e, pertanto non si tratta di “ipotesi di esclusione dal campo di applicazione dell’Iva”, e non è possibile ricorrere ad altri strumenti come ad esempio scontrino e ricevuta fiscale, ovvero memorizzazione e invio telematico dei corrispettivi per coloro che operano nell’ambito del commercio al minuto e delle attività assimilate di cui all’articolo 22 del Dpr n. 633/1972, il decreto Iva, allora la stessa deve essere elettronica tramite Sdi.