Terreni: natura pertinenziale

I giudici della Commissione Tributaria Regionale di Roma hanno ritenuto che la natura pertinenziale di un terreno deve rilevarsi attraverso l'analisi della conformazione dello stato dei luoghi per cui l'iscrizione autonoma in catasto della pertinenza e del fabbricato non può escludere la natura di pertinenza del terreno. Il principio è contenuto nella sentenza n. 163/35 del 7 giugno 2013, da cui emerge che la diversa iscrizione in Catasto della pertinenza non è di ostacolo alla considerazione unitaria di essa con l'abitazione principale, non escludendo l'applicazione dell'art. 2 del d.lgs. 504/92. L'Ici, sostituita ora dall'Imu, è un'imposta reale sul patrimonio immobiliare che colpisce il valore oggettivo dei beni immobili e che, per quanto attiene i fabbricati censiti, il valore è dato dalla rendita catastale mentre per le aeree fabbricabili in base al valore venale in commercio. In particolare, il citato art. 2, il quale prevede che le aeree pertinenze dei fabbricati devono considerarsi ai fini Ici come parte integrante dei fabbricati stessi, esclude l'autonoma tassabilità delle aeree pertinenziali.